Comportamento alimentare - ZeroAnsia

Vai ai contenuti
COMPORTAMENTO ALIMENTARE

Mangiare in modo sano ed equilibrato


 
 
Tante persone lo fanno senza troppa fatica, per altre invece è un risaltato che sembra impossibile da raggiungere. Mangiare in modo disordinato, senza orari, includendo troppo spesso cibi dannosi, mangiare voracemente, senza pensarci troppo, o mangiare troppo poco, sono solo alcuni dei comportamenti non salutari legati al modo di alimentarci. Le conseguenze di questi comportamenti sulla salute sono ormai diffusamente conosciute. Sappiamo quanto sia importante intervenire  per modificare lo stile di vita alimentare e la psicologia ci può venire in aiuto.
 
Attraverso un percorso psicologico impariamo a riconoscere quali sono i cosiddetti trigger, cioè gli stimoli che ci inducono a mangiare male e/o troppo. Impariamo a mettere in atto strategie alternative, cioè comportamenti più sani in alternativa al mangiare “consolatorio”. Impariamo a sostituire abitudini insane con altre più salutari. Impariamo a conoscerci meglio, individuando i desideri e i bisogni più profondi e imparando a dare loro voce. Impariamo a valutarci non basandoci su un parametro estetico (valgo se peso in un certo modo). Impariamo a gestire meglio tutte quelle situazioni relazionali che causano un forte disagio, ci fanno sentire impotenti e ci gettano in uno stato che riusciamo ad alleggerire solo mangiando.
 
Attraverso questo percorso impariamo ad amarci di più, impariamo a capire che nessuno meglio di noi può prendersi cura di noi stessi e, partendo da questa nuova prospettiva, mangiare in modo sano ed equilibrato non sarà più un pesante dovere lontano dal nostro desiderio ma sarà l’espressione massima del nostro modo di amarci. Impareremo a scegliere il meglio per noi, smettendo finalmente di lottare col cibo.



VOGLIO DIMAGRIRE E NON INGRASSARE PIU'


La dieta non è lo strumento più efficace per dimagrire. Spiego meglio questa espressione: quando si sostiene l’inefficacia della dieta non ci si riferisce al fatto che non faccia calare di peso. In realtà, con la dieta dimagrante il peso scende perché si ingeriscono meno calorie di quelle che si consumano.  Quello che una dieta ipocalorica non garantisce, ed è per questo che possiamo affermare che non funziona, è il mantenimento del dimagrimento nel tempo. Cioè, dopo che ho compiuto il mio bravo sforzo di aderire ad un programma di dimagrimento ed ho finalmente raggiunto il peso giusto per me … cosa accade? È questo l’aspetto controverso e “sotto accusa” della dieta dimagrante, che si presenta nella quasi totalità dei casi. Col tempo si riprende il peso perduto e molto spesso con gli interessi. Perché una dieta dimagrante non tiene conto delle variabili, perlopiù psicologiche, che hanno portato all’aumento di peso.
E quindi come organizzarsi per perdere peso senza riprenderlo nel tempo?
Prima di iniziare un percorso dietetico per perdere peso è necessario, se non fondamentale, preparare il terreno e cioè fare un percorso psicologico lavorando proprio sul mantenimento. In questo modo si riuscirà a rendere duraturi i risultati faticosamente ottenuti con la dieta alimentare perché si avranno acquisito quelle competenze cognitive e comportamentali necessarie per non commettere gli errori col cibo che hanno portato ad ingrassare.

dott. Maria Cristina Orlando - cell: 3281522064
e_mail: dottoressa.orlandoi@zeroansia.it
Torna ai contenuti